Trevignano Romano

Trevignano Romano: Comune impegnato sul Compostaggio domestico

 

Informazioni storiche e territoriali

Costruito su una rupe basaltica, il paese è situato all’estremità di un piccolo golfo, cratere secondario di un antico vulcano sul lago di Bracciano. C’è una credenza secondo la quale l’antica città di origine etrusca, Sabate, nei pressi della quale è nata Trevignano, sarebbe sprofondata nel lago a causa di movimenti tellurici.

Sul finire del 1300 la ritroviamo in potere degli Orsini. Nel 1496 fu assediata per terra e per mare da Papa Alessandro VI impegnato a scuotere la potenza dei signori del luogo. In quella occasione fu distrutto il Castello di cui oggi si possono contemplare le severe rovine.

Nel 1691 gli Orsini, rientrati in possesso della loro proprietà, vendettero il paese al duca Domenico del Grillo che vi fabbricò il Palazzo Baronale. Nel 1880 buona parte dei possedimenti passò ai principi Del Drago.

 

Fonti: Provincia di Roma

 

 

Le attività di Trevignano Romano sul Compostaggio domestico

 

Con Delibera di Consiglio Comunale n. 24/2019 il Comune ha approvato il “REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA PRATICA DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO E ALLA RIDUZIONE DELLA TARI PER LE UTENZE DOMESTICHE CHE PRATICANO IL COMPOSTAGGIO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI”.

Le utenze che hanno diritto a fare domanda di riduzione della TARI, prevista per le utenze domestiche che praticano il compostaggio domestico, sono tutti i titolari di utenze domestiche del territorio comunale che non abbiano insoluti pregressi in termini di TARI.
Per poter ottenere una compostiera in comodato d’uso gratuito e la relativa agevolazione
tributaria, il contribuente deve avere almeno 150 mq di giardino o orto ecc.. di pertinenza dell’abitazione. Il contribuente deve presentare l’apposita istanza, esclusivamente mediante il modello allegato al regolamento sul compostaggio – (MODELLO A che potrà essere richiesto presso l’U.R.P. o l’Ufficio Ambiente del Comune di Trevignano Romano e sarà disponibile sul sito istituzionale del Comune) firmato dalla persona fisica contribuente TARI, allegando copia di un documento di riconoscimento del richiedente, in corso di validità e del codice fiscale. Il modello debitamente compilato e firmato dovrà essere consegnato all’Ufficio Protocollo del Comune di Trevignano Romano. La presentazione della suddetta istanza non costituisce di per sé motivo di attribuzione automatica della riduzione sulla TARI, cosa che potrà avvenire solo dopo il ritiro della compostiera. La suddetta istanza può pervenire da uno qualunque dei membri del nucleo familiare, a condizione che nella stessa istanza venga specificato il nome del familiare iscritto a ruolo TARI. In base all’ordine progressivo di arrivo delle istanze per la concessione della compostiera e per l’attribuzione della relativa riduzione TARI, l’Ufficio Ambiente provvederà ad iscrivere i richiedenti all’apposito Albo dei Compostatori e ad inviare loro una comunicazione scritta contenente il numero progressivo attestante l’avvenuta iscrizione al suddetto Registro e adeguate informazioni sugli orari di apertura al pubblico ed il luogo, dove i cittadini potranno recarsi per provvedere, con mezzi propri, al ritiro delle compostiere, che verranno consegnate fino ad esaurimento scorte.

Il compostaggio domestico dovrà avvenire su terreni privati, di proprietà o in disponibilità, pertinenti o quantomeno adiacenti all’abitazione per cui si richiede lo sgravio, in quanto presupposto della riduzione sulla TARI, è l’uso abitudinario, continuativo e non occasionale del compostaggio per il recupero a fini agronomici della frazione verde e organica prodotta. Il luogo di localizzazione della compostiera dovrà perciò essere ben definito e verificabile.

Anche il compost ottenuto dall’attività di compostaggio deve essere utilizzato su terreni privati, di proprietà o in disponibilità. Il richiedente deve dichiarare, all’atto della presentazione della suddetta istanza, la destinazione del compost prodotto che deve essere compatibile ad attività di giardinaggio, orticoltura, agricoltura.

Il richiedente è tenuto a consentire in qualunque momento l’esecuzione di sopralluoghi da parte del personale dell’Amministrazione o del personale appositamente incaricato della ditta affidataria del servizio di raccolta rifiuti, che provvederà alla verifica della localizzazione della compostiera e all’accertamento della corretta, reale e costante attività di compostaggio domestico della frazione umida e verde, comunicando con almeno 5 giorni di anticipo data e orari indicativi del sopralluogo, redigendo apposito verbale controfirmato dalla parte.

Il richiedente si impegna a non causare molestie al vicinato con l’attività di compostaggio
domestico e solleva l’Amministrazione Comunale da ogni responsabilità in caso di eventuali
contenziosi tra confinanti.

Il richiedente che intende cessare la pratica del compostaggio domestico è tenuto a dare
preventiva disdetta comunicando la data di cessazione delle operazioni di compostaggio mediante modello B allegato al regolamento sul compostaggio domestico (MODELLO B: rinuncia al compostaggio domestico della frazione umida e alla riduzione della tassa rifiuti).
La dichiarazione del venir meno delle condizioni che implicano l’applicazione della tariffa ridotta deve avvenire entro il 20 gennaio dell’anno successivo alle variazioni.

La riduzione tributaria verrà applicata nella misura del fattore percentuale accordato alle utenze domestiche che praticano il compostaggio secondo quanto previsto dal “Regolamento TARI”.
La riduzione tributaria avrà effetto a partire dall’anno solare successivo a quello della presentazione dell’istanza per la concessione di una compostiera e per l’attribuzione della relativa agevolazione sulla TARI.

(fonte: rielaborazione regolamento comunale)

 

 

Materiali

Regolamento compostaggio domestico

Modulo richiesta compostiera/riduzione TARI/iscrizione Albo Compostatori

Modulo per rinuncia alla pratica dell’autocompostaggio e della riduzione TARI

 

UFFICIO E SOGGETTO COMUNALE RESPONSABILE DEL COMPOSTAGGIO

Ufficio Responsabile
Nome e Cognome Responsabile
Fax

Aggiornamenti

Utenze domestiche iscritte all’Albo Compostatori aventi la compostiera da 300 lt al 31/12/2018: 131

 

CENSIMENTO SULLE ATTIVITÀ DEDICATE AL COMPOSTAGGIO

CITTADINI ISCRITTI ALL’ALBO COMUNALE COMPOSTATORI

Iscritti totali al 1° gennaio 2014 (n°)   n.d.
Iscritti al 1° gennaio 2014 che hanno richiesto la compostiera (n°)   n.d.
Iscritti al 1° gennaio 2014 che NON hanno richiesto la compostiera (n°)   n.d.
Iscritti totali al 1° gennaio 2015 (n°)   n.d.
Iscritti al 1° gennaio 2015 che hanno richiesto la compostiera (n°)   n.d.
Iscritti al 1° gennaio 2015 che NON hanno richiesto la compostiera (n°)   n.d.

ASPETTI OPERATIVI E DI MONITORAGGIO

Numero di controlli effettuati presso le utenze iscritte all’Albo nel 2014   n.d.
Numero di controlli effettuati presso le utenze iscritte all’Albo nel 2015   n.d.
Figure impegnate/investite dell’attività di controllo   n.d.
Numero medio di componenti per famiglia nel 2014   n.d.
Numero medio di componenti per famiglia nel 2015   n.d.

ASPETTI FINANZIATI-ECONOMICI

Agevolazione media riconosciuta all’utenza iscritta all’Albo nel 2014 (€/utenza*anno)   n.d.
Agevolazione media riconosciuta all’utenza iscritta all’Albo nel 2015 (€/utenza*anno)   n.d.
Costo di trattamento della frazione organica sostenuto dal Comune nel 2014 (€/tonn)   n.d.
Costo di trattamento della frazione organica sostenuto dal Comune nel 2015 (€/tonn)   n.d.

Fonte:

 

Albano Laziale Ariccia Frascati

Gallicano nel Lazio Genzano di Roma Lanuvio

Nettuno