Rocca di Papa

Rocca di Papa: Comune impegnato sul Compostaggio domestico

 

 

 

 

 

Rocca di Papa, con una superficie di 40,18 km², è il terzo dei Castelli Romani per estensione, preceduto solo da Velletri (112,21 km²) e Lanuvio (43,91 km²). Si trova in un’area soggetta anticamente (tra i 600.000 ed i 20.000 anni fa circa) all’attività vulcanica del Vulcano Laziale.

Anche se l’abitato moderno nacque solo nel Medievo, il territorio rocchigiano era già stato abitato fin dal I millennio a. C.: Monte Cavo era l’antico Mons Albanus sacro ai Latini, sulla cui vetta sorgeva il tempio di Giove Laziale, e alcuni storici suppongono che sulla sponda orientale del Lago Albano, in buona parte ricadente in territorio rocchigiano, sorgesse la leggendaria capitale latina di Alba Longa.

Nel periodo medioevale, Rocca di Papa fu infeudata ai Conti di Tuscolo, agli Annivaldi, agli Orsini ed infine, tra il 1427 ed il 1870, ai Colonna. Nel 1855, i cittadini rocchigiani si ribellarono ai Colonna e proclamarono l’effimera repubblica di Rocca di Papa.

Nel corso dell’Ottocento e del Novecento il paese è stato residenza di importanti personalità della politica e dello spettacolo, grazie alla sua vicinanza a Roma ed all’alta quota che fa di Rocca di Papa una località montana a tutti gli effetti.

Oggi il Comune fa parte della Comunità montana Castelli Romani e Prenestini e ospita la sede del Parco regionale dei Castelli Romani.

La coltivazione più diffusa sul territorioè quella della vite, coltivata nei vigneti posti nella parte nord-ovest del territorio comunale, più a bassa quota, a ridosso con i comuni di Grottaferrata, Frascati e Marino, zone di produzione rispettivamente del Frascati e del Marino, entrambi vini bianchi a denominazione di origine controllata.

Il territorio del comune di Rocca di Papa si contraddistingue per la presenza alquanto diffusa del castagno. L’industria boschifera, con lo sfruttamento soprattutto del legname di castagno legato ad usi principalmente edilizi, ha sempre rappresentato uno dei pilastri su cui si fonda la locale economia del paese. Lo stesso Comune detiene circa 1600 ettari di bosco ceduo di castagno (poco meno del 40% dell’intera superficie comunale) dal quale il Comune ritrae un’importante entrata di bilancio.

Fonti: Comuni italiani, Wikipedia, Italiapedia (settembre 2014)

 

Le attività di Rocca di Papa sul Compostaggio domestico

[DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/albano” text=”Albano Laziale” title=”Albano Laziale” type=”large” style=”large” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/ariccia” text=”Ariccia”  title=”Ariccia” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/frascati” text=”Frascati” title=”Frascati” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]

[DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/gallicano” text=”Gallicano nel Lazio” title=”Gallicano nel Lazio” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/genzano” text=”Genzano di Roma” title=”Genzano di Roma” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/lanuvio” text=”Lanuvio” title=”Lanuvio” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]

[DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/montecompatri” text=”Monte Compatri” title=”Monte Compatri” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/nettuno” text=”Nettuno” title=”Nettuno” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]  [DKB url=”http://www.compostiamo.it/comuni-aderenti/velletri” text=”Velletri” title=”Velletri” type=”large” style=”normal” color=”#78A234″ textcolor=”#FFFFFF” width=”150″ opennewwindow=”no”]