Archivi categoria: Approfondimenti

PUBBLICATE LE LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE SUL COMPOSTAGGIO AEROBICO FINO A 80 T/ANNO

COMPOSTAGGIO AEROBICO FINO A 80 TON/ANNO – LINEE GUIDA PER:

– iniziative di compostaggio statico effettuato mediante l’uso di cassoni o “casette” in legno destinate alle amministrazioni locali e ai gestori dei rifiuti che intendono avviare iniziative di compostaggio di comunità con tecniche semplici e a basso investimento, a fronte della possibilità di coinvolgere attivamente cittadini ed associazioni (APPENDICE A);

– impianti di compostaggio aerobico con eventuale aspirazione forzata (APPENDICE B);

– compostaggio locale collettivo mediante compostiere elettromeccaniche per il trattamento in loco della frazione organica dei rifiuti (APPENDICE C).

La documentazione, prodotta dalla Città metropolitana di Roma Capitale – Dip. IV – Servizio 1 “Gestione Rifiuti” – “Ufficio Raccolta differenziata, prevenzione e riduzione dei rifiuti”, può essere utile per le amministrazioni comunali metropolitane che intendano avviare iniziative di compostaggio aerobico fino a 80 ton/anno con o senza contributi della Città metropolitana di Roma Capitale.

Le linee guida sono consultabili nella sezione “Materiali” del sito www.compostiamo.it al seguente link http://www.compostiamo.it/materiali-utili/

Più futta e verdura da orti e mercati, le abitudini alimentari tra i fattori che influenzano l’ascesa dell’organico nel 2015

Come dimostrano i primi dati sulla produzione rifiuti l’organico è in ascesa. Abbiamo chiesto a Massimo Centemero, direttore del Consorzio Italiano Compostatori, alcune impressioni

La tendenza evidenziata dai primi dati sulla produzione dei rifiuti nel 2015, mostra una contrazione della produzione generale mentre, sul fronte della raccolta differenziata, crescono le frazioni del vetro e dell’organico rispettivamente del 7,7% e del 4%.

Per quanto riguarda la crescita dell’organico abbiamo chiesto a Massimo Centemero, direttore del Consorzio Italiano Compostatori (CIC), se è possibile parlare di un vero e proprio aumento e se si possono azzardare delle ipotesi sulle cause che ne hanno determinato l’aumento.

Più futta e verdura da orti e mercati, le abitudini alimentari tra i fattori che influenzano l'ascesa dell'organico nel 2015 Alla prima domanda il direttore Centemero ha risposto che al momento il CIC non ha dati sufficienti per prevedere e valutare l’andamento nazionale conferma l’ipotesi di Eco dalle Città: “la sensazione è che ci sia un aumento dell’organico nelle grandi città”, oltre al consueto divario tra nord e sud, che vede nel Mezzogiorno la produzione pro capite annua di rifiuto umido dai 120 – 140kg, mentre al Nord questa produzione scende fino ai 70-90 kg. Una differenzia figlia delle diverse abitudini alimentari.

Secondo lo stesso Centemero, con molta probabilità, a influire sull’aumento della produzione di umido nelle città sono il graduale miglioramento del servizio di raccolta e un cambio nelle abitudini alimentari. Infatti, anche causa della crisi ma, in generale, per una maggiore consapevolezza alla qualità alimentare nonché ambientale, sempre più persone scelgono di non acquistare pasti preconfezionati sostituendoli con frutta e verdura di stagione proveniente da mercati e orti urbani. Andando ad aumentare di fatto gli scarti di origine organica.

 Le sensazioni del CIC, con molta probabilità sono più che semplici sensazioni, infatti secondo l’Istat nel 2015 si è registra “una diminuzione dell’1,0% per il volume delle vendite dei prodotti alimentari e dello 0,2% per il volume delle vendite dei prodotti non alimentari, per una flessione complessiva dello 0,4 %”. Un calo delle vendite nei supermercati e nei negozi al dettaglio sarebbe coerente con l’aumento delle vendite nei mercati rionali e con l’aumento dell’autoproduzione ipotizzato anche dal CIC.

A supporto delle sensazioni del direttore Centemero ci sono anche i risultati del Rapporto Italia 2016 condotto dall’Eurispes, che evidenziano i mutamenti degli italiani per quanto riguarda i consumi alimentari. Infatti nel rapporto si legge che “l’81% degli intervistati predilige i cibi di stagione e il 56% quelli a chilometro zero”. Il primato dell’acquisto dei cibi pronti, come sughi, zuppe, surgelati, spetta invece ai 25-34enni, con il 33,3% delle preferenze. Mentre quasi l’85% dei genitori afferma di acquistare prodotti italiani e di stagione, mentre solo uno su quattro compra alimenti pronti”.

Inoltre dal rapporto risulta che “Il 7,1% degli italiani si dichiara vegetariano e l’1% è vegano”. Quindi circa l’8% della popolazione segue un regime alimentare esclusivamente “verde” andando, con molta probabilità, a influenzare l’aumento dei rifiuti organici.

Fonte: Eco dalle Città – 29 febbraio, 2016

Presentazione pubblica del progetto della Città metropolitana di Roma Capitale per EXPO’ Milano 2015

Nell’ambito delle iniziative attivate della Città metropolitana di Roma Capitale in occasione dell’Expo 2015 “Nutrire il pianeta, Energia per la vita” è stato svilippato un progetto dal titolo “Una narrazione del gusto dei sapori metropolitani: i prodotti agricoli dalla tradizione all’innovazione, dalla produzione al riciclo”.

L’incontro di presentazione pubblica di tale progetto si terrà

martedì 30 giugno 2015 – ore 10:00

Palazzo Valentini, Sala del Consiglio Metropolitano “Giorgio Fregosi”

Via IV Novembre, 119/A a Roma

Interverranno i Consigileri Delegati e i Direttori dei Dipartimenti della Città metropolitana di Roma Capitale interessati alle tematiche sviluppate nel progetto.

E’ necessaria per partecipare all’evento l’iscrizione, per motivi di sicurezza,  inviando una mail con i propri dati a: sviluppoeconomicodipv@cittametropolitanaroma.gov.it

Per ulteriori informazioni:

06/67668522 – v.martelli@cittametropolitanaroma.gov.it

06/67668567 – s.cavalieri@cittametropolitanaroma.gov.it

 

 

Inaugurato a Degueche in Tunisia un sito di compostaggio

Il 12 Giugno 2015 è stato inaugurato il sito di compostaggio di Degueche, nel governatorato di Tozeur Tunisia. Il sito è frutto del lavoro svolto negli ultimi mesi da AICA, Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale, in collaborazione con il Comune di Degueche, il Centro di Ricerca Agricolo del Comune e con il finanziamento dell’8 per mille della Chiesa Valdese nell’ambito del progetto “Le Oasi di El Ouidane”. Il progetto prevedeva infatti lo sviluppo di un sistema di raccolta differenziata della frazione organica e il contestuale avvio del servizio di raccolta presso gli abitanti di un quartiere pilota di Degache. I rifiuti organici così raccolti sono confluiti poi all’interno del sito di compostaggio predisposto allo scopo. A 3 mesi dall’avvio del progetto, è stato ottenuto il primo compost, consentendo così di inaugurare ufficialmente il sito. Si tratta del primo progetto nel suo genere in tutta la regione del Maghreb.

Il progetto pilota ha rafforzato i legami fra i Paesi e ha consentito di raggiungere risultati concreti che aprono la strada a prospettive promettenti. Il prossimo passo sarà quello di dare una sostenibilità di lungo termine al progetto, proseguendo le attività avviate attraverso l’analisi del compost prodotto e il monitoraggio delle quantità distribuite e il loro utilizzo in agricoltura.

L’inaugurazione è poi proseguita con la visita al sito di compostaggio, nel quale il Dott. Cavallo, presidente di AICA, ha illustrato praticamente le azioni svolte nel sito: dalla triturazione delle foglie di palma da mischiare alla frazione organica, al trasferimento del materiale nelle compostiere, alla costituzione e rivoltamento delle andane. I partecipanti hanno così potuto toccare con mano il processo alla base del compostaggio, e vederne i risultati. Ai partecipanti è inoltre stato regalato un sacchetto simbolico contenente il primo compost.

Per approfondimenti: http://www.envi.info/?p=5236

Incontro pubblico sul compostaggio domestico Comune di Mentana

Per approfondire la pratica del compostaggio domestico e conoscere la riduzione della tassa rifiuti e altre facilitazioni dedicate agli iscritti all’albo compostatori il Comune di Mentana organizza l’incontro pubblico dedicato ai cittadini

venerdì 3 luglio 2015
alle ore 18,30
Parco dei Cinque Pini
Via Einaudi – Mentana

Per informazioni: tel. 0690969333 – 0690969334 www.comune.mentana.rm.it

 
DURANTE L’INCONTRO SARA’ POSSIBILE COMPILARE IL MODULO PER RICHIEDERE LA COMPOSTIERA IN COMODATO D’USO GRATUITO E ISCRIVERTI ALL’ALBO COMPOSTATORI

Il Comune di Mentana rientra tra i Comuni amici di “COMPOST TI AMO!”, progetto della Città Metropolitana di Roma Capitale e finanziato dalla Regione Lazio.

Il Compostaggio nella Regione Lazio

Il 17 Aprile 2015 presso il Castello Orsini-Cesi di Sant’Angelo Romano si è svolto il convegno “Il compostaggio nella Regione Lazio: esperienze e prospettive del compostaggio aerobico”.

 L’evento è stato patrocinato dal Consiglio Regionale del Lazio, dalla Città Metropolitana di Roma Capitale, dalla Province di Latina, Viterbo e Rieti, dai Comuni di Ponza, Marcellina, Villa San Giovanni in Tuscia nonchè dall’ANCI Lazio e dalla COLDIRETTI Lazio.

Di seguito  una sintesi dei singoli Interventi in programma:

Il COMPOSTAGGIO DEL RIFIUTO ORGANICO, PROSPETTIVE E SVILUPPI Fabio Musmeci ENEA

Enea, nella persona di Fabio Musmeci ha introdotto il concetto generale del compostaggio aerobico del rifiuto organico, parlando nel merito delle esperienze fin qui realizzate dal suo Dipartimento UTTAMB-RIF, attraverso prove effettuate su diverse tipologie di macchine per il compostaggio di comunità e sulle metodologie di misurazione dei parametri del compost ottenuto. Ha inoltre illustrato quelle che sono le potenzialità dei sistemi di compostaggio di comunità, se pensati e messi a sistema in alcuni contesti che configurano la riduzione del rifiuto alla fonte ed il reimpiego diretto del compost ottenuto, con un cenno a quelle che sono le, anche se ancora poche, esperienze in Italia. Un cenno particolare è stato poi dedicato agli aspetti inerenti i benefici ambientali di questo possibile sistema di gestione.

IL COMPOSTAGGIO DOMICILIARE ED IL SUO MONITORAGGIO Vincenza di Malta Osservatorio Rifiuti Provincia di Roma

La Città Metropolitana di Roma Capitale, nella persona di Vincenza Di Malta ha illustrato il Progetto sul compostaggio domestico, avviato nel 2005 dalla Provincia di Roma, che ad oggi vede l’adesione di oltre 27 comuni.

IL COMPOSTAGGIO DI COMUNITÀ, ESPERIENZA NEL LAZIO  Tonino Cicconetti Responsabile Servizio Programmazione Rifiuti Provincia di Rieti

La Provincia di Rieti, nella persona dell’Arch. Tonino Cicconetti, ha esposto le sue esperienze sia sul compostaggio domestico che su quello di comunità illustrando nel merito anche il Progetto Carcere Verde che sta portando avanti con la casa circondariale di Rieti.

La Coldiretti Lazio, nella persona del suo Direttore Tecnico Dr. Marco Cerboni, ha illustrato le sue idee progettuali sulla possibilità di coinvolgere le Aziende Agricole associate, in un progetto di inserimento nel contesto del compostaggio comunitario, attraverso l’ipotesi di poter collocare i Compostatori direttamente nelle Aziende Agricole sul territorio, al fine di ottenere un reddito integrativo e la garanzia di reimpiego del compost stesso. Compost che a seconda delle esigenze di impiego verrebbe “personalizzato” direttamente e destinato alla concimazione di colture diversificate. Questa potrebbe sicuramente essere un’idea progettuale meritevole di un approfondimento.

Fonte Nuova: In arrivo duecento nuove compostiere

“Stanno arrivando dalla Provincia di Roma, altre duecento compostiere oltre le sessanta che già abbiamo in stoccaggio presso il Comune”. Lo annuncia l’assessore, delegato dal Sindaco Fabio Cannella all’ambiente, Donatella Ibba. “Questo prevede un percorso per cui stiamo redigendo gli atti opportuni (regolamento e albo dei compostatori) che saranno pronti e attivi nel mese di Marzo dopo i relativi passaggi in Consiglio Comunale”. Suddetto percorso rientra in quell’insieme di pratiche che l’amministrazione sta portando avanti al fine di ottenere una riduzione del tributo sui rifiuti “poiché è prevista una rimodulazione della Tari- prosegue l’assessore Donatella Ibba- per chi attuerà il compostaggio domestico”. Continua a leggere